Dr. Ruggero Trevisan Medico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Dr. Ruggero TrevisanMedico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia

ATTIVITA’ FISICA IN GRAVIDANZA


 

L’esercizio fisico moderato in gravidanza è benefico ed associato ad una alimentazione equilibrata rappresenta la migliore strategia non  farmacologica per il benessere di madre e bambino. Ti sentirai sana ed in forma (evitando l’eccessivo incremento ponderale limiterai i disturbi legati a lombalgie ecc.), consentendoti inoltre di mantenere una buona percezione del tuo corpo: non ti vedrai grassa o in sovrappeso, ma semplicemente in gravidanza.

 

Quale tipo e con quale intensità? 

Ovviamente niente che possa mettere a rischio la tua salute: evita sport estremi.

L’attività fisica in gravidanza fa bene se moderata e piacevole. 

Le donne che praticano sport possono mantenere lo stesso livello di impegno fisico, se sono già ben allenate prima della gravidanza e se non vi sono controindicazioni mediche, mentre per quelle meno allenate è consigliato iniziare l’attività fisica in modo graduale. 

Per ottenere benefici sono consigliati almeno 30 minuti tre volte alla settimana.

Evita la corsa (se non sei ben allentata) o quelle attività che si svolgono in palestra e che comportano salti o movimenti molto concitati tipo step o aerobica. Sconsigliata anche la bicicletta (per il pericolo di cadute accidentali).

Prediligi i corsi di ginnastica dolce per gestanti, i corsi di yoga, la passeggiata a passo veloce, ma soprattutto il nuoto. 

Si consiglia di fare attività in condizioni ambientali favorevoli, ovvero in ambienti freschi ed asciutti ed evitando le ore più calde nei periodi estivi, e di bere molta acqua. 

Attività fisica in acqua

 

L’attività in piscina, se praticata con costanza, può prevenire o dare rapido sollievo a molti disturbi che possono comparire durante la gravidanza. 

È l’attività ideale in gravidanza in quanto:

·Migliora il sistema cardiocircolatorio

·Cambia la percezione del peso del proprio corpo facilitando il movimento

·Il movimento in acqua rafforza e tonifica i muscoli coinvolti in gravidanza e per il travaglio/parto

·I benefici del movimento in acqua durante la gravidanza sono numerosi: promuove il rilascio delle endorfine, induce il rilassamento che facilita il sonno, ridisegna lo schema corporeo, sostiene proporzionalmente il peso corporeo, meno pressione sulle articolazioni, obbliga ad un movimento lento (con temperatura ideale) ed allungato che distende le catene muscolari

·Lo spostamento in acqua consente ai muscoli di essere massaggiati

 

Benefici dell’attività fisica

Le linee guida nazionali  sull’assistenza alla gravidanza ed al parto fisiologico indicano che: “un regolare esercizio aerobico durante la gravidanza sembra migliorare (o conservare) la forma fisica e l’immagine corporea” ed aiuta a prevenire e/o a limitare patologie legate alla gravidanza.

Riassumendo i possibili benefici sono:

·Benessere psico-fisico soggettivo materno riducendo ansia ed insonnia

·Conservazione o miglioramento dell’immagine corporea materna

·Minore probabilità di affrontare la gravidanza in sovrappeso o obese, se iniziato prima

·Ridotto incremento ponderale in gravidanza, se proseguito ed associato ad idonea dieta

·Minore rischio di diabete gestazionale

·Diminuito rischio di aborto e di rottura precoce delle membrane

·Maggiore tolleranza al travaglio rispetto alle donne non allenate

·Migliore tolleranza al dolore e maggior senso di benessere

·Ridotta durata della fase espulsiva del parto

·Diminuita necessità di ricorrere a parti operativi

·Minore incidenza di importanti lacerazioni del perineo

·Peso fetale alla nascita maggiore per attività moderate

·Maggiore reazione agli stimoli dei neonati al 5° giorno

·Migliore sviluppo psicomotorio al 5° anno di età

·Impostazione di uno stile di vita sano che tende ad essere mantenuto successivamente

 

 

 

Controindicazíoni all’attività fisica

Assolute:

·patologie delle coronarie

·malattie del muscolo cardiaco 

·scompenso cardiaco

·ipertensione arteriosa severa

·patologie delle valvole cardiache

·tromboflebiti in atto

·malattie infettive acute

·incompetenza cervicale

·gravidanza gemellare   

·rottura prematura delle membrane

·ridotta crescita fetale o microsomia

·sofferenza fetale

·isoimmunizzazione del gruppo sanguigno RH

 

Relative

·anemia o malattie del sangue

·ipotiroidismo e malattie tiroidee

·diabete mellito complicato

·presentazione podalica nell’ultimo trimestre 

·eccessiva obesità o sottopeso

·rischio di parto pretermine

·non aver mai fatto attività fisica 

·impegnarsi in esercizi intensi senza allenamento

Dr. Ruggero Trevisan
Via Trieste, 14 
36061 Bassano del Grappa

Tel. 0424/512206

 

Cell. 334/951.25.52

E-mail:

studiomedico.drtrevisan

@gmail.com

 

pelena10@yahoo.it Dr.ssa Elena Bisinella Ostetrica

Orari di visita

riceve su appuntamento telefonico

Chi siamo

Il Dr. Ruggero Trevisan,

Medico chirurgo

Specialista in Ostetricia e Ginecologia. 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dr. Ruggero Trevisan Via Trieste, 14; 36061 Bassano del Grappa