Dr. Ruggero Trevisan Medico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Dr. Ruggero TrevisanMedico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia

L’infezione da citomegalovirus in gravidanza.(CMV)

L’infezione  congenita da citomegalovirus in gravidanza

avviene  per trasmissione diretta verticale dalla madre- feto.

La frequenza di contagio fetale  viene valutata inorno al

40/50% in caso di prima infezione materna, in circa lo 0,5/2%

nel caso la madre abbia avuto una passata infezione dal

CMV.

Conseguenze.

Le conseguenze di una infezione da CMV in gravidanza possono essere molto variabili,

dalla morte endouterina del feto ,ai ritardi di crescita, anche se tra 85ed il 90% dei neonati non presenterà alcun problema.

Il 10/15% dei bambini infettati durante la gravidanza manifesterà  invece una patologia quale l’idrocefalia,la microcefalia,corioretinite,ittero,epatomegalia,polmonite, riduzione del numero delle piastrine nel sangue

 

Diffusione dell’infezione da citomegalo virus.

In Italia a due anni di età il 28% dei bambini ha già contratto la malattia, all’età di 45 anni la percentuale della popolazione generale che ha contratto l'infezione  sale al 95%. L’infezione primaria si riscontra nel 2% delle gravide,mentre l’infezione neonatale è presente nello 0,57% dei neonati.

Terapia.

Studi recenti hanno documentato come l’uso di immunoglobuline specifiche sia sicuro e preventa parte delle manifestazioni neonatali .Ciò apre prospettive molto interessanti sulla prevenzione dei danni fetali da CMV, anche se ulteriori studi sono necessari per confermare l’efficacia di tale trattamento.

 

Prevenzione

Il CMV è presente nelle urine e nella saliva dei bambini al di sotto dei tre anni di vita ed una delle più frequenti modalità di infezione avviene quando si portano inavvertitamente alla bocca mani o oggetti contaminati.

 E’ per questo che gestanti sieronegative (ovvero suscettibili all’infezione primaria), che hanno frequenti contatti con bambini piccoli per ragioni familiari o di lavoro, sono ad elevato rischio di contrarre l’infezione.

Circa i due terzi di tutte le infezioni primarie avvengono infatti  in donne alla seconda o ulteriore gravidanza.

Alle gravide  sensibili alla infezione da CMV viene  raccomandato di lavarsi frequentemente le mani, di non baciare i bambini piccoli sulla bocca o sulla faccia, di non condividere stoviglie, biancheria, cibo o bevande.

Più in generale viene  raccomandato di non portare alla bocca qualunque cosa potesse essere stata nella bocca di un bambino (ciuccio, manine e piedini inclusi).

Studi clinici dimostrano  che una una donna incinta ben informata sulle norme igieniche da seguire è in grado di evitare l’infezione durante la gravidanza e quindi di non infettare il suo bambino.

 

Dr. Ruggero Trevisan
Via Trieste, 14 
36061 Bassano del Grappa

Tel. 0424/512206

 

Cell. 334/951.25.52

E-mail:

studiomedico.drtrevisan

@gmail.com

 

pelena10@yahoo.it Dr.ssa Elena Bisinella Ostetrica

Orari di visita

riceve su appuntamento telefonico

Chi siamo

Il Dr. Ruggero Trevisan,

Medico chirurgo

Specialista in Ostetricia e Ginecologia. 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dr. Ruggero Trevisan Via Trieste, 14; 36061 Bassano del Grappa