Dr. Ruggero Trevisan Medico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Dr. Ruggero TrevisanMedico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia

Occhi e gravidanza

Avere problemi alla vista è un fenomeno molto comune in gravidanza, destinato di solito   a passare velocemente, ma che può essere motivo di ansia per la futura mamma.

Sono generalmente sintomi passeggeri che non peggiorano la vista, come si credeva un tempo. Secchezza agli occhi, vedere scintille, accentuazione  della miopia o fastidio da lenti a contatto sono tutti sintomi in genere transitori.

  • La gravidanza provoca un aumento della miopia?
    Assolutamente no: si tratta di una credenza molto diffusa negli anni ’50 ma, di fatto, si è riscontrato che la miopia non peggiora. La miopia è un difetto congenito, legato essenzialmente a una predisposizione familiare.
  • E durante l’allattamento?
    Vale il medesimo discorso: non c’è alcun motivo per cui nutrire al seno il proprio bambino possa causare un peggioramento della miopia.

 

  • Può capitare di vedere più sfuocato?
    Può accadere in conseguenza di una carenza di ferro o di transferrina: entrambe contribuiscono a rendere il sangue ricco di ossigeno, necessario per il buon funzionamento della retina. Inoltre, possono influire le variazioni ormonali dei nove mesi, in particolare l’aumento del progesterone, che può provocare una maggiore imbibizione e un ispessimento della cornea, modificando temporaneamente il grado della miopia.
  • E di soffrire di secchezza oculare?
    Sì, può succedere. Per effetto delle variazioni ormonali, il film lacrimale diminuisce leggermente in quantità. La sensazione di occhio asciutto si può accentuare soprattutto se si lavora per molte ore davanti al computer.
    Che cosa fare, allora? Si può ricorrere alle
     lacrime artificiali. In questo periodo è preferibile scegliere prodotti senza conservanti in confezioni monodose
  • Il parto naturale può essere dannoso per chi ha problemi di vista?
    Solo in pochissimi e particolarissimi casi, si tratta di un problema che può riguardare solo le donne con miopie elevate (con -10, -15 diottrie) o, in casi davvero rari, chi ha difetti strutturali della retina. Per dirimere ogni dubbio, è bene interpellare l’oculista che, in casi ben selezionati e in accordo col ginecologo, può consigliare un parto cesareo.
  • Si possono usare le lenti a contatto?
    Oltre a una leggera alterazione nella composizione del film lacrimale, c’è una maggiore imbibizione della struttura corneale, che tende a modificare le proprie normali curvature ciò in alcuni casi può rendere meno sopportabili le lenti a contatto.
  • Si possono prendere integratori “amici” della vista?
    Gli “amici” della vista si possono trovare in abbondanza nell’alimentazione, in special modo in frutta e verdura,che sono ricche di sostanze antiossidanti, come il betacarotene e gli anticianosidi. È bene garantire anche il giusto apporto di ferro.

 

  • Che cosa vuol dire  se si vedono “scintille” davanti agli occhi?
    Vedere lampi improvvisi potrebbe essere il segno che la retina è messa sotto sollecitazione, quindi è consigliabile farla controllare dall’oculista, specie se gli episodi sono ripetuti nel corso della giornata e nei giorni. Anche la carenza di ferro potrebbe causare vasospasmi improvvisi che possono dare una sensazione di lampi. Ancora, potrebbe trattarsi di piccoli sbalzi pressori, frequenti in gravidanza.
  • Durante i nove mesi è consigliabile una visita oculistica?
    Una visita è sempre consigliabile, soprattutto a chi è miope o a chi non fa un controllo da molto tempo. L’oculista valuterà infatti sia l’acutezza visiva sia lo stato di salute dell’occhio, in particolare della retina.La visita è d'obbligo in caso di diabete(sia gestazionale che preesistente alla gravidanza) e nel caso in cui la mamma contragga la toxoplasmosi  durante i nove mesi, perché sono patologie che possono provocare problemi alla retina.

Dr. Ruggero Trevisan
Via Trieste, 14 
36061 Bassano del Grappa

Tel. 0424/512206

 

Cell. 334/951.25.52

E-mail:

studiomedico.drtrevisan

@gmail.com

 

pelena10@yahoo.it Dr.ssa Elena Bisinella Ostetrica

Orari di visita

riceve su appuntamento telefonico

Chi siamo

Il Dr. Ruggero Trevisan, Specialista in Ostetricia e Ginecologia. 

E' Direttore della Struttura Semplice di Diagnosi Prenatale presso l'Ospedale San Bassiano di Bassano del Grappa (Vicenza). 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dr. Ruggero Trevisan Via Trieste, 14; 36061 Bassano del Grappa